Quando il mare si tinge di colore bruno e rossastro.

La nostra esperienza trentennale sulla gestione della sicurezza negli ambienti acquatici ci porta, spesso, ad approfondire anche temi di natura ambientale. Il fine è sempre quello di preservare la salute di tutti coloro che frequentano gli stabilimenti balneari e i nostri mari. Il contatto diretto e costante di “LIFEGUARD La Compagnia del Mare” con le Capitanerie di Porto e tutti gli enti incaricati della tutela dell’ambiente, ci consente di avere sempre informazioni chiare ed aggiornate sulle condizioni di salute dei nostri mari. Per questo motivo v’invitiamo a restare tranquilli, a vivere serenamente la vostra permanenza al mare, a leggere le utili informazioni che quotidianamente pubblichiamo sul nostro blog e sulle nostre pagine social… e a non allarmarsi quando l’acqua del mare si tinge di colore bruno e rossastro!

CRISTIAN DI SANTOCEO LIFEGUARD La Compagnia del Mare

Vogliamo rassicurare tutti i bagnanti allarmati per il colore del mare di questi giorni. Si tratta di un fenomeno assolutamente naturale e non pericoloso: la fioritura delle alghe rosse. Turisti e frequentatori di stabilimenti balneari di fronte al colore anomalo del mare, chiedono spiegazioni e tendono ad associare questa situazione ad potenziali forme d’inquinamento locale. In realtà, l’ARTA (AgenziaRegionaleTutelaAmbientale) assicura che “non si tratta di inquinamento o di un fenomeno pericoloso”, bensì della fioritura di una microalga planctonica che diffonde in mare le sue cellule galleggianti a causa dell’aumento della temperatura dell’acqua e di particolari correnti marine. Non si rilevano problemi di tossicità per l’uomo e per la fauna marina, anzi, si possono riscontrare anche aspetti positivi grazie alla produzione di ossigeno che determina. La prima segnalazione risale al 1994 nell’Adriatico e si ripete regolarmente, soprattutto nei mesi più caldi dell’anno, sul litorale adriatico ma anche nel Mediterraneo e oltre.

Quali sono le condizioni ideali che favoriscono questo fenomeno?

  • temperature dell’acqua intorno ai 27°
  • mare calmo
  • cielo sereno

Spesso capita che l’acqua nelle prime ore del mattino sia limpida e assuma gradualmente la classica colorazione bruna fino a diventare torbida proprio nelle ore più calde della giornata (fino ad oltre 200 metri dalla riva). Generalmente basta una mareggiata per disperdere definitivamente le masse di microalghe coinvolte.

ROBERTO DE IURE@ildoctorbeach